di Alfonso D’Ambrosio

concludiamo la terza parte di 8 piccoli esperimenti magnetici.

7. IL DRONE MAGNETICO

Muovere con le mani un potente magnete sopra la faccia di rame ed osservare il movimento nel magnete posto nella scatola di plastica. Il magnete seguirà i nostri movimento ed apparirà fluttuare nell’aria, se avviciniamo il magnete fino ad appoggiarlo sul rame il drone prenderà il volo. Non si tratta di una vera e propria levitazione (realizzabile ponendo il magnete tra due materiali diamagnetici quali bismuto o grafite pirolitica), semplicemente il nostro magnete viene attratto dal magnete che abbiamo tra le mani, ma poiché è poggiato su superfici metalliche, le correnti indotte rallenteranno il suo moto di caduta verso l’alto o verso il basso e pertanto esso sembrerà come sospeso.

Ecco un video:

 

8.MAGNETE IN CADUTA IN UN TUBO METALLICO

Fate cadere un piccolo magnete (di forma sferica o cilindrica) all’interno di un tubo di rame, ottone o alluminio; osservare che rispetto alla caduta libera il moto appare rallentato (e a velocità costante) in relazione al materiale utilizzato. Lo stesso fenomeno si osserva se il magnete viene fatto scivolare o appoggiato su una lastra di rame o alluminio. Quando un magnete viene fatto cadere all’interno di una spira, il flusso del campo magnetico aumento, creando una corrente indotta che genera un campo magnetico opposto alla variazione che lo ha generato (legge di Lenz), pertanto il magnete sarà respinto dalla spira e rallentato nella sua caduta. I tubi di rame, alluminio ed ottone posso essere visti come una successione infinita di spire.

L’articolo completo lo trovate qui:

https://www.professionistiscuola.it/elettricita-e-magnetismo/laboratorio-povero-di-fisica-caduta-di-un-magnete-in-un-tubo-metallico.html

Vai alla barra degli strumenti