Una lezione ancora sull’affascinante sensore ad ultrasuoni.

In questa lezione utilizzeremo due pulsanti ed un sensore ad ultrasuoni.

Cosa fa il gioco

Abbiamo tre personaggi che si muovo in maniera casuale sullo schermo e l’obiettivo del gioco è quello di evitarli.

Utilizzeremo i due pulsanti per muoverci a destra e a sinistra ed il sensore ad ultrasuoni per muoverci in alto ed in basso.

Giocando il bambino imparerà il concetto di spazialità, anche con movimenti fini della mano o del corpo, raccorderà le informazioni dei sensori con un sistema di coordinate cartesiano.

Cosa serve

due pulsanti

cavi M/M  M/F

un sensore ad ultrasuoni

resistenze da 1kOhm e da 2,2 Kohm (vedere lezioni precedenti su come collegare il sensore ad ultrasuoni ed i pulsanti)

Raspberry

 

Ecco lo schema del collegamento:

Un bottone è collegato al pin 10 e l’altro al 19

il comando per il sensore ad ultrasuoni sarà ultra23 (connesso al gpio23)

 

Realizzazione grafica e programmazione

Una volta aperto Scratch, aggiungiamo i personaggi , nella cartella Fantasy e poi Sun, aggiungiamone tre.

Crediamo tre variabili chiamate randomx1 randomx2 e randomy1

Impostiamo randomy1 in maniera tale che assuma valori da -200 a 200

Portiamo il personaggio in una posizione verticale casuale e facciamolo scivolare, gli altri personaggi possonoo invece scivolare in posizione orizzontale. Esistono molte varianti a tal proposito.

 

Ecco gli script per i tre personaggi Sole:

 

La programmazione del gatto non è coomplicata.

Si tratta di regolare i movimenti su x quando i pin10 e 19 dei pulsanti sono premuti e regolare il movimento su y con la lettura dal sensore ad ultrasuoni.

Se si tocca uno dei personaggi il gioco termina.

 

Possibili varianti

Si possono creare oggetti che hanno un significato particolare, ad esempio tocca solo gli oggetti caldi o freddi, tocca solo gli animali. Si può introdurre un punteggio.

Una volta che si è toccato un personaggio “buono” questi può apparire “clonato” nuovamente in un altro posto e il punteggio cambia in positivo, mentre se si tocca un personaggio “cattivo” allora il punteggio viene diminuito di un certo valore.

Si possono creare dei quiz che simulino movimenti oscillatori davanti al sensore, si possono simulare moti…

Alcuni miei studenti hanno inserito anche un secondo sensore ad ultrasuoni…..

Insomma non vi è limite alla fantasia!

 

Se siete interessati alla creazione di serious games guardatevi il progetto Byoeg: https://www.facebook.com/byoeg/

La Fucina delle Scienze organizza anche un corso di formazione approvato dalla Regione Veneto sulla creazione di giochi didattici, anche con sensori esterni.

Paper su Byoeg

http://didamatica2016.uniud.it/proceedings/dati/articoli/paper_7.pdf

 

Vai alla barra degli strumenti