di Marco Picarella.

 

È da circa un anno che io e Alfonso D’Ambrosio stiamo sperimentando e promuovendo (anche per la didattica) l’uso dello smartphone in ambito scientifico.

Oggi lo smartphone è impiegato prevalentemente per la comunicazione, soprattutto tra i giovani, ma questo piccolo strumento è in realtà talmente ipertecnologico sia dal punto di vista software che hardware che può tranquillamente svolgere funzioni al pari di un PC.

Il fisico Alfonso è sicuramente più avvantaggiato di quanto lo sia io da biologo perché si sa che i fenomeni fisici sono più facilmente riproducibili sperimentalmente di quelli biologici, ma ultimamente anch’io sto avendo qualche buona soddisfazione con il mio smartphone.

A parte una nutrita offerta di app di buona qualità che trattano di diversi argomenti di biologia (sistematica, genetica, ecologia, ecc.), è oggi disponibile un accessorio che trasforma uno smartphone o un tablet addirittura in un microscopio con il vantaggio di essere portatile e digitale.

Microphone lens 15x sullo smartphone ridSi tratta di una piccola lente realizzata in materiale siliconico che si applica direttamente sull’obiettivo dello smartphone, come si può vedere nella foto a sinistra, senza dover usare colla o adesivo. Il modello in mio possesso ha un potere di ingrandimento di 15X e quindi risulta adatto per l’osservazione di insetti o di dettagli di foglia. Sono disponibili però anche lenti da 4X e da 8X fino ad arrivare a 150X; al fascino di quest’ultima non ho potuto resistere ed è stato il mio secondo acquisto, anche se devo ancora riuscire ad utilizzarla perché il montaggio non è di facile intuizione.

Il nome di queste lenti è Microphonelens e sono state create da Thomas Larson, un giovane ingegnere di Seattle che ha avuto l’idea durante i suoi studi universitari ed è poi riuscito a passare alla fase di produzione grazie ad una campagna di raccolta di fondi su kickstarter che ha avuto un grande successo. Storie come quella di Thomas sono abbastanza comuni in America, ma spero che anche in Italia presto ci si accorgerà dei giovani talenti nazionali.

Le lenti sono acquistabili sul sito www.microphonelens.com. Il modello 15X ha un costo veramente contenuto, pari a 14,99 $. Con le spese di spedizione si arriva a pagare poco meno di 20 euro ed il prodotto arriva a casa in qualche settimana.

Veniamo ora alla parte di sperimentazione.

Come scrivevo prima il modello da 15X è utile nel caso di piccoli invertebrati risultando più potente di una normale lente d’ingrandimento e avendo la possibilità di scattare fotografie per documentare il campione sotto osservazione. Ecco alcuni esempi.

Fotocamera HUAWEI senza zoom 05 rid IMG_20150421_165154 ridLa qualità è decisamente accettabile e gli eventuali limiti sono da attribuire al mio “catorcio” cinese (Huawei Ascend Y300). Non ho provato microphonelens su altri smartphone ma ho visto su alcuni modelli che la qualità delle foto è nettamente migliore di quella ottenuta con il mio smartphone, quindi è presumibile che anche microphonelens possa essere meglio valorizzato.

I dettagli sono evidenti: ad esempio si riescono a vedere bene le venature delle ali dell’insetto (il cui corpo manca di addome), così come i tentacoli della chiocciolina, dettagli che non si riescono a riprendere con il normale obiettivo dello smartphone, tanto meno ad osservare a occhio nudo.

Fotocamera HUAWEI senza zoom senza lente B ridCome termine di confronto infatti mostro la foto dell’insetto ripresa senza microphonelens: sì, il puntino al centro del riquadro, che ho creato io con un programma di fotoritocco per inquadrare il mio campione, è proprio l’insetto. In quest’ultima foto la distanza dell’obiettivo dello smartphone dal campione era di una decina di centimetri, mentre con microphonelens la distanza era di circa 1 centimetro.

Non sempre però è agevole manovrare lo smartphone ad una distanza così ravvicinata dal campione e scattare contemporaneamente anche una foto; la messa a fuoco infatti varia al minimo spostamento dello smartphone.

Ci vorrebbe allora un supporto idoneo per lo smartphone e il campione e che permettesse anche la regolazione fine della distanza. La stampante 3D potrebbe venirci in aiuto per costruire questo supporto… ma questo è tutto un altro discorso.

Ho fatto delle prove anche su materiale botanico. Ecco i miei primi risultati.

IMG_20150421_165415 rid Fotocamera HUAWEI senza zoom 03 ridSi tratta di alcune foglioline del genere Lemna (a sinistra) e di menta (al centro). Anche in questi casi abbiamo la possibilità di osservare dei dettagli difficilmente visibili ad occhio nudo; addirittura sarei tentato di affermare che nella foglia di menta le macchioline bianche fossero gli stomi; la forma è proprio quella. Rimanendo sempre sulla menta le nervatura sono individuabili con buona definizione.

Per quanto riguarda l’assistenza faccio presente che sono disponibili sul sito FAQ, istruzioni per l’uso delle lentine in formato pdf e video tutorial, a dimostrazione della cura da parte del produttore di fornire tutto l’aiuto possibile, anche se con questa lente non ne ho mai avuto particolare bisogno. In più Thomas è una persona disponibile che fa il proprio lavoro con passione. L’ho contattato una volta via email e mi ha risposto con molta cortesia nel giro di 24 ore.

Ho riscontrato finora un solo limite di microphonelens: la sua adesività sull’obiettivo dello smartphone non è sempre impeccabile per cui bisogna prestare molta attenzione quando si maneggia lo smartphone perché una volta che si stacca inavvertitamente, non sempre è facile individuare microphonelens visto che è piccolo e trasparente.

In conclusione si tratta di un accessorio che per il prezzo e le prestazioni è un “must” per chi è appassionato di microscopia e vuole documentare l’osservazione di materiale biologico (e non solo) con il proprio smartphone in qualunque circostanza si trovi (una passeggiata in un prato, al museo di scienze naturali, nell’orto del balcone, ecc.).

Per chi desidera avere ulteriore informazioni può lasciare un messaggio qui sotto o scrivere direttamente al produttore Thomas Larson (contatti nel sito citato sopra).

1 Comment

  1. Reply

    certo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vai alla barra degli strumenti