Una delle funzioni disponibili in Scratch è il disegno. Una serie di semplici istruzioni permettono di tracciare linee e curve con facilità.

Una delle prime applicazioni della funzione disegno che mi ha interessato è stata la creazione di poligoni regolari a partire dal numero dei suoi lati.

Lo script ruota – è proprio il caso di dirlo – intorno all’istruzione “ruota” che è posta all’interno di una iterazione: questa dice al programma di quanti gradi la penna deve girare in un determinato senso e questa azione viene ripetuta per un numero pari al numero di lati del poligono. I gradi sono in relazione al numero di lati come ci viene insegnato dalla geometria sin dai primi anni del suo studio; dobbiamo però fare attenzione alla differenza tra angolo interno e angolo esterno; l’istruzione “gira” usa infatti il valore dell’angolo esterno.

Questo semplice script può essere di aiuto al giovanissimo studente alle prime armi con la geometria.

Il risultato grafico però non mi soddisfaceva perché al crescere del numero di lati i poligoni erano sempre più grandi (mantenendo la lunghezza del lato fissa) e quindi oltre un certo numero la penna finiva fuori lo “stage” e la figura veniva pesantemente alterata. Inoltre i vari poligoni non erano centrati su un punto unico.

Dopo vari tentativi ho deciso di legare la posizione e la dimensione del poligono fissando un valore dell’apotema uguale per tutti i poligoni. Adesso qualunque poligono disegnato è sempre centrato nel sistema di assi che fa da sfondo. Non metto in dubbio che si tratti di un “capriccio” che però mi ha permesso di approfondire geometria da un lato e coding dall’altro.

Vai alla barra degli strumenti